Skip to content

Lincoln, il film *

28 febbraio 2016

lincoln_poster_ita 2Un film ambivalente. Pienamente convincente nell’interpretazione storica della figura di Lincoln (con uno straordinario Daniel Day-Lewis) e nel ripercorrere il dibattito e l’azione politica che hanno portato alla approvazione del XIII emendamento che abolì definitivamente la schiavitù, ma che si dilunga inutilmente e con scarsa efficacia sulle relazioni di Lincoln con la moglie e i figli.

 

Premetto che ho visto il film tramite DVD e, grazie anche ai contenuti speciali e alle interviste qui riportare, mi pare da confermare, al di là del numero spropositato di premi e di nomination ricevuti in patria, il giudizio ambivalente dato da molti. Con alcuni punti deboli e, tutto sommato, una prevalenza di punti di forza.

Mi spiego. Nell’intervista l’autrice (Doris Kearns Goodwin) del libro (Team of Rivals: The Political Genius of Abraham Lincoln) da cui Tony Kushner ha tratto la sceneggiatura spiega bene le caratteristiche del suo lavoro. Aveva voluto ritrarre Lincoln al di là del mito indagandone la personalità sul piano umano nei rapporti con le persone a lui più vicine, a partire dai familiari. Ma, sottolinea l’autrice, si rese presto conto che Abramo Lincoln passava infinitamente più tempo con i suoi collaboratori e ministri che con la sua famiglia. E visto che questi collaboratori hanno lasciato dettagliati diari e numerosi episodi quotidiani ed impressioni personali sulla figura del Presidente, è stato possibile farne un ritratto originale e approfondito sul piano politico più di quanto potesse emergere sui suoi rapporti con moglie e figli.

Quando Steven Spielberg seppe del lavoro della Goodwin, prima ancora che fosse ultimato, ne chiese l’esclusiva perché da tempo aveva in mente un Lincoln regista Spielbergprogetto sul presidente che aveva abolito la schiavitù. Non appena ebbe in mano il dattiloscritto (oltre 700 pagine) si rese conto che doveva fare una scelta e subito intuì che questa doveva concentrarsi sugli ultimi quattro mesi di vita e sulla battaglia abolizionista (il XIII emendamento della Costituzione) che corrispondono anche al periodo conclusivo della guerra civile **.

E qui sorge appunto la domanda: perché insistere anche sui rapporti familiari con la moglie e i figli. Non aggiungono niente sulla figura del Presidente; su questo fronte la sceneggiatura è fragile, i conflitti non dicono nulla di particolarmente interessante e i personaggi sono delineati in modo superficiale, senza spessore psicologico; il conflitto padre figlio è stato tematizzato con ben altra intensità ad esempio da Elia Kazan ne La valle dell’Eden. Per non parlare delle interpretazioni sia del figlio maggiore che della moglie a dir poco imbarazzanti.

lincoln_character_poster_sally_field

Sally Field, che interpreta la moglie, più che alla recitazione sembra concentrata a indossare i bellissimi vestiti preparati da una attenta scenografia (scenografia molto curata ma talora sin troppo ricercata nei dettagli; comunque l’oscar vinto dagli scenografi ci poteva stare).

Il siparietto in calesse con la moglie, collocato tra la fine della guerra civile e la morte violenta, dove parlano di un possibile viaggio a Gerusalemme, ad esempio, poteva benissimo esser tralasciato: non aggiunge nulla e spezza in modo incongruo l’intensità della narrazione.

 

 

 

E veniamo ai punti di forza. Innanzitutto la magistrale interpretazione di Daniel Day-Lewis (in questo caso un Oscar pienamente meritato): grazie anche alla sceneggiatura ci rende l’immagine di un uomo politico complesso, travagliato, melanconico e ironico al tempo stesso. Oratore sintetico ed efficace, dalla grande capacità di ascolto (a partire dai più umili) e in grado di valutare alla perfezione le persone che ha davanti. Idealista convinto e nello stesso tempo, pur di raggiungere il suo obiettivo, capace della più scaltra realpolitik.

Lincoln dett

Capisce al volo se il rappresentante del Congresso che ha davanti va convinto con argomenti etici e/o politici oppure serva maggiormente acconsentire alle sue aspirazioni personali. E nei momenti più impensati, ad esempio nel mezzo di un acceso dibattito politico con i suoi collaboratori, o prima di intraprendere una decisione, capace di distanziarsi con ironia per dar voce ad uno dei suoi racconti, delle sue storielle (che tanto irritavano i suoi collaboratori). In sostanza un uomo complesso e profondo, in grado di assumere decisioni tragiche, come quella di posporre l’incontro con i delegati del sud mandati a trattare la fine della guerra, pur di realizzare l’obiettivo principale. In gioco non era solo la centralità del principio di eguaglianza, ma la natura stessa che la Nazione avrebbe assunto dopo guerra civile.

lincoln_character_poster_david_seward

 

 

E le figure che lo accompagnano nella sua impresa politica sono credibili e ben delineate, a partire dal Segretario di Stato William Seward (interpretato in modo dignitoso da David Strathairn).

 

 

E veniamo all’altro aspetto che mi ha convito e, direi, anche appassionato: la battaglia al Congresso per il XIII emendamento.

 

 

I dibattiti e gli scontri sono decisamente ben ricostruiti grazie anche ad interpretazioni credibili tra cui spicca la figura di Thaddeus Stevens, il deputato abolizionista, originario del Vermont, interpretato in modo magistrale da Tommy Lee Jones.

I suoi duelli oratori sono memorabili come la sua capacità di mettere a freno la sua pulsionalità egualitaria ed antirazzista per metterla al servizio dell’obiettivo condiviso con Lincoln di allargare il fronte dei sostenitori e mettere alle corde i rappresentanti avversi. A mio parere se queste sequenze incentrate sul dibattito alla Camera, che si concludono con una approvazione dell’emendamento sul filo del rasoio, avessero trovato più spazio (a scapito magari dell’inutile vicenda del figlio maggiore e di molte sequenze con la moglie) il film nel suo complesso ne avrebbe guadagnato in unitarietà e profondità.

"LINCOLN" 526141 Tommy Lee Jones stars as Republican Representative Thaddeus Stevens in this scene from director Steven Spielberg's drama "Lincoln" from DreamWorks Pictures and Twentieth Century Fox. ©DreamWorks II Distribution Co., LLC.  All Rights Reserved.

Certo molti lo criticano perché troppo “documentario”; io penso che proprio l’interpretazione storica sia della figura di Lincoln che del passaggio epocale della abolizione della schiavitù con il XIII emendamento sia la dimensione più convincente del film. Un film storico (ovviamente in “storia” si parla di interpretazioni, sempre passibili di revisioni e contestazioni: la successione dei fatti, la cronaca qui è puntuale ma siamo appunto di fronte a “una” interpretazione) un film storico dicevo in grado di dare un quadro efficace di un momento cruciale della storia statunitense. La sua debolezza sta proprio nel non voler essere appieno tale, nel cimentarsi nelle dinamiche padre/figli e marito/moglie in modo superficiale, senza alcuna profondità psicologica, e spezzando l’unitarietà narrativa.

E comunque, come ogni buona narrazione e interpretazione storica, in grado non solo di ricostruire il passato ma passibile di insegnamenti e riflessioni contemporanee. Ne butto lì qualcuna di quelle che mi son venute in mente durante e dopo la visione.

La complessità: il tema della schiavitù e della guerra civile, dell’emancipazione introdotta inizialmente per proclama da Lincoln (giustificata anche come necessità militare) ma proprio per questo in modo non irreversibile alla fine della guerra. Doveva diventare un dettato costituzionale e in quanto tale non più modificabile … a costo di rendere più difficile la pace con gli stati secessionisti. Un intrico drammatico e difficilmente districabile: solo una figura di alto livello, complessa e profonda come quella di Lincoln era in grado di dipanarla.

Lincoln Scene-1

Oggi come oggi molti pensano che di fronte alla complessità servano soprattutto le scorciatoie, le semplificazioni, gli uomini dal cinguettio twitter facile … col risultato che le situazioni complesse si aggrovigliano sempre di più. Una grande nostalgia di personalità politiche di quel livello che oggi sembrano scomparse.

La guerra civile: oltre alla sua intrinseca drammaticità (il bagno di sangue fratricida) una guerra civile appunto non è una guerra fra Stati e questo rende impossibile un trattato di pace, una mediazione. Può terminare solo con la sconfitta e resa definitiva di una delle parti. Lincoln ne è consapevole, nel film lo spiega ai delegati sudisti che pensavano di esser venuti per trattare: non vi può esser trattativa ma solo la resa. E questo rende drammaticamente il vincitore pieno e unico responsabile del dopo, di una difficile ma necessaria riconquistata unità dello Stato e di una ancor più difficile riconciliazione; questo il senso dell’incontro, alla fine della guerra fra Lincoln e il Generale Grant.

lincoln_1

Possiamo, venendo a tempi più recenti, pensare agli errori e alle fratture del nostro ultimo dopoguerra o all’opposto della capacità di Nelson Mandela di unire il suo paese dopo la vittoria sull’apartheid. E ancora volgere lo sguardo alle guerre di oggi, alle cosiddette guerre asimmetriche che se non sono sempre definibili come guerre civili, hanno comunque la caratteristica di vedere da una parte degli Stati e dall’altra un nemico senza statualità definita e pertanto un nemico “con cui non si può trattare”. Con il rischio di impantanarsi in grovigli da cui non si sa più come uscirne, di guerre senza fine.

Infine un particolare, che conoscevo, ma che mi ha comunque colpito. La storia (anche quella più recente) è fatta talora di rovesciamenti e bisogna stare attenti ad usare le parole nel loro contesto. Nello specifico vedere come i più strenui difensori dell’abolizionismo fossero esponenti del Partito Repubblicano e viceversa i principali sostenitori della schiavitù di quello Democratico. Letto con gli occhi della politica statunitense attuale crea un certo effetto di straniamento. Ma la storia è piena di simili ribaltamenti. Per non ridursi alla cronaca non entusiasmante dei nostri giorni, ricordo la vicenda dei missionari gesuiti in America latina, che, da Ordine religioso in Europa affiancato al potere e ai potenti, nell’altro mondo divenne sostenitore dei diritti e della cultura dei nativi oppressi (il film Mission ce lo ha ben ricordato) e viceversa i Francescani che nelle colonie portoghesi (dimentichi del loro fondatore) divennero sostenitori dei conquistadores e degli stati coloniali. Insomma i bei dibattiti al Congresso rappresenti dal film di Spielberg mi hanno ricordato che bisogna diffidare delle parole, delle etichette, dei semplici nomi perché il loro significato cambia (e talvolta si rovescia) e che necessita sempre guardare al di là, a cosa realmente c’è dietro.

Per concludere, se un film riesce a far pensare, ad accendere qualche lampadina, vuol dire che tutto sommato non è un brutto film.

lincoln_character_poster

 

——–

* di Steven Spielberg, USA 2012. Commento postato su FilmTV qui parzialmente rivisto e linkato.

** Sulla Guerra civile americana la letteratura è immensa; on line sembrano prevalere i siti e le interpretazioni più favorevoli ai sudisti. Il revisionismo non è solo europeo: una lettura interessante di questo rovesciamento postumo e sulle figure di Grant e Lee su il il Post. Anche la voce di Wikipedia è stata messa sotto accusa di un atteggiamento filoconfederato e la discussione è tutt’ora in atto. Di seguito alcuni link in merito alla Guerra di Secessione:

Linkografia sulla guerra civile americana

Due siti per gli appassionati del tema: GCA e Forum

Una cartina di Limes

Due sintesi: PBMStoria e TuttoAmerica

Il più famoso discorso di Lincoln: il Gettysbury Address

Due articoli sulla Guerra di secessione come prima guerra moderna: TuttoStoria e Il Fatto Storico

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: