Skip to content

Rivivere la storia con gli occhi dei bambini

29 maggio 2014

Oltre dieci anni fa, per l’esattezza il 14 febbraio del 2004 a Palazzo Flaim, durante il Convegno Nino Chiovini. Il tempo, lo spazio, la memoria, è stato presentato  dalla Scuola elementare di Torchiedo il “corto” La fiùm racconta”, video in cui i bambini interpretavano con fresca naturalezza alcuni passi e personaggi tratti dalle opere di Chiovini.

 

La storia a scuola  2

La fiùm racconta (2003)

 

Era il primo lavoro del “Laboratorio di cinema” della Scuola Primaria “Rodari” che da allora ha ininterrottamente lavorato con una formula estremamente efficace: la nostra storia locale, la spontaneità dei bambini nell’interpretare personaggi e situazioni, una regia originale in grado di valorizzare al massimo quel connubio.

È stata anche la risposta dell’équipe di insegnanti a chi ha pensato di mettere ai margini la storia contemporanea nella formazione degli scolari delle elementari.

 

Menù del DVD "La storia a scuola" con i video realizzati da 2003 al 2013

Menù del DVD “La storia a scuola” con i video realizzati da 2003 al 2013

 

Numerosi i premi e le gratificazioni (compreso un incontro con il Presidente della Repubblica e un viaggio premio) per le otto produzioni che si sono realizzate nel corso degli anni.

Anche quest’anno la soddisfazione non è mancata con la premiazione de “La memoria dei giusti” –realizzato nell’anno scolastico 2012-2013 – nel concorso indetto dall’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza di Torino. Riporto di seguito il comunicato delle insegnanti.

Nel frattempo attendiamo di poter assistere al loro ultimo lavoro che, in concomitanza del 70° anniversario dell’eccidio di Fondotoce, è dedicato alla memoria dei 43 partigiani che sono stati fatti sfilare da Villa Caramora e portati alla morte sui bordi del canale che unisce il Lago di Mergozzo con il Lago Maggiore.

 

— — —   …   — — —

Scuola Primaria Statale “G. Rodari”Torchiedo

Laboratorio di Cinema

 

La memoria dei giusti (2013)

La memoria dei giusti (2013)

 

“L’unicità della Shoah è proprio questa. Che milioni di persone siano state fatte viaggiare per migliaia di chilometri per essere portate a morire. Se li avessero presi messi al muro e fucilati sul posto, sarebbe stata una delle tante stragi degli eccidi che purtroppo le guerre comportano. Ma questa organizzazione sistematica, industrializzata della morte, dove a volte tre generazioni della stessa famiglia scomparivano nello stesso istante. Questa è l’unicità della Shoah”.

(Dall’intervista ad Adriana Torre Ottolenghi realizzata dagli alunni del laboratorio di cinema nella sinagoga di Casale Monferrato, novembre 2012).

Anche quest’anno il lavoro è stato premiato con la vittoria di due premi prestigiosi al concorso “Filmare la storia” indetto dall’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza di Torino:

  • il premio “Paolo Gobetti” per la sezione Scuole Primarie
  • il premio speciale “25 aprile – Anpi”.

Il cortometraggio vincitore, dal titolo “La memoria dei giusti”, è stato realizzato nell’anno scolastico 2012/2013 dagli alunni e dalle insegnanti del Laboratorio di Cinema della Scuola Primaria “G. Rodari” di Torchiedo dell’Istituto Comprensivo Verbania Trobaso.

Si ringraziano per la preziosa collaborazione: Lorenzo Camocardi per la regia e il montaggio, Renato Pompilio per le musiche originali e le signore Adriana Torre e Maria Luisa Ferrari per le loro testimonianze di vita.

Il cortometraggio realizzato è classificabile come “docu-fiction”. Attraverso un’intervista si è raccolta l’esperienza di una bambina ebrea che, con la sua famiglia, durante la guerra è fuggita, dall’imminente deportazione in campo di concentramento, grazie all’aiuto della maestra Anna Bedone di Trarego. La storia di Adriana ha stimolato la scrittura di una sceneggiatura per far rappresentare direttamente ai bambini alcuni episodi della drammatica esperienza personale, che riguarda tutta l’umanità.

La conoscenza, l’analisi e la comprensione, anche di fatti della storia quasi indicibili, sono un dovere fondamentale che spetta a tutti. Gli educatori devono accompagnare i bambini, per i quali la tutela e la delicatezza sono un obbligo, nell’affrontare argomenti così difficili. Occorre trovare il modo, le parole e le più variegate strategie didattiche, per iniziare un approccio alla storia e alla memoria.

Quest’anno per il settantesimo anniversario della strage di Fondotoce il Laboratorio di Cinema ha realizzato un nuovo cortometraggio commemorativo.

Verbania 29/5/2014

Nives Cerutti e Mariella Nasini

 

 

Annunci

From → Memoria

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: