Skip to content

Incontro con il Commissario Straordinario di Verbania

16 maggio 2013

Aria anormale di normalità nella sala giunta del Comune di Verbania oggi pomeriggio. Il Commissario Straordinario ha convocato le forze politiche per un confronto sulla vita amministrativa della città. Tassativamente un rappresentante per formazione: quelli che si son presentati in due (Sel compresa) han dovuto mandarne via uno. Altrettanto tassativamente presenti solo le forze politiche selezionate con un criterio che, si è detto, faceva riferimento alle ultime politiche.

Di conseguenza le formazioni civiche e altre minori, che pur hanno significativamente caratterizzato la vita cittadina (e penso che lo faranno ancora) sono state escluse: penso in particolare a Cittadini con Voi. Ma, si è detto, il Consiglio Comunale precedente è sciolto e pertanto non ha, in quanto tale nessuna funzione di rappresentanza, così come le formazioni che – in quanto unicamente locali – erano presenti al suo interno.

Questa situazione  mi conferma nel mio giudizio assolutamente negativo, in particolare sulla vita democratica cittadina, dello scioglimento del Consiglio; e sono ancora sorpreso dei giudizi di soddisfazione espressi da più parti – dall’opposizione  ma in forma meno appariscente anche da membri della (ex)maggioranza – sulle dimissioni di Zacchera. Le giudico invece un boccone avvelenato che per un anno intero graverà su una città già pesantemente segnata dal declino.

Immagine

Aria anormale di normalità, dicevo. Tutti in Sala giunta quasi che alcunché di eccezionale fosse accaduto. Saluti, strette di mano, atteggiamenti malcelati di sollievo, gran concordia fra i fratelli separati del PDL e dei Fd’I, aria di distacco da parte della Lega Nord, atteggiamento un po’ spaesato da parte dell’UdC, atteggiamento “da maestrina” da parte della M5S, un po’ aria di rimpatriata fra noi del centrosinistra.

Grande cordialità e disponibilità all’ascolto da parte del Commissario dott. Mazza, affiancato da funzionari comunali e prefettizi, ma assoluta fermezza nell’indicare i paletti di “normalità amministrativa” e di rigorosa applicazione delle norme e dei limiti di spesa.

Insomma come prevedevo dovremo aspettarci un anno intero di “ibernazione democratica” e se qualcosa di vivo riuscirà ad accadere a Verbania lo sarà lontano dai luoghi istituzionali.

Essendomi toccato di rappresentare SEL in questo contesto ho steso un Comunicato Stampa inviato ai giornali e che riporto di seguito.

 Immagine

COMUNICATO STAMPA

 Verbania 16.05.2013

Incontro delle forze politiche Verbanesi con il Commissario del Comune di Verbania

 Il Commissario Straordinario dott. Michele Mazza ha incontrato oggi 16 maggio, dalle ore 16.00 alle ore 18.30, le forze politiche Verbanesi da lui convocate “al fine di raccogliere proposte inerenti la vita amministrativa comunale”. Erano presenti, con un rappresentante per forza politica, IDV, PD, PDL, Fd’I, LN, UdC, SEL, Comunisti Italiani, M5S.

Il criterio di convocazione, esplicitato dal Commissario, era la partecipazione di tali forze alle ultime elezioni politiche e pertanto erano escluse le liste Civiche cittadine o altre formazioni minori e l’ex Consigliere Tambolla, presente all’inizio, per questo motivo non ha potuto partecipare.

Il tema principale affrontato è stato quello del CEM con la contrarietà alla sua realizzazione da parte della maggioranza delle rappresentanze presenti con l’esclusione di PDL e Fd’I e, in forma più sfumata, di LN e UdC.

Altri temi affrontati il destino dell’Ospedale Castelli, Viabilità e parcheggi, presenza nelle Partecipate (in particolare ConserVCO), turismo e iniziative culturali estive, nuova Questura, questione lavoro e welfare, diffusione delle sale gioco, tutela della Riserva di Fondotoce, Commemorazione dei caduti di Fondotoce il prossimo 23 giugno.

Il sig. Commissario ha risposto a gran parte delle problematiche riportate e sulla questione CEM ha fatto capire come il suo orientamento – pur non escludendo momenti ulteriori di confronto – sia quello di non intervenire sulle procedure già avviate escludendo, come da noi proposto, una consultazione referendaria sulla questione. Particolare attenzione ha prestato al tema della viabilità e dell’aspetto urbano (non escludendo la possibilità di eliminare i posteggi in Piazza Garibaldi) e al problema delle rappresentanze nel ConserVCO.

Come Sinistra Ecologia Libertà abbiamo sottolineato come lo scioglimento del Consiglio Comunale (e di conseguenza anche delle Commissioni Consiliari) rappresenti una sconfitta per la vita democratica dell’intera città e come sia necessario dar comunque vita a ulteriori momenti di confronto come quello odierno e, particolarmente in questa fase, sostenere l’attività dei Consigli di Quartiere come luogo di intermediazione fra la gestione commissariale e i cittadini. Posizione opposta quella sostenuta dal Movimento 5 Stelle che ha dichiarato di vedere di buon occhio l’uscita di scena dei partiti e la gestione della città da parte dei tecnici e dei funzionari.

Il Commissario ha ribadito come intenda convocare in altre occasioni le forze politiche presenti e di volersi rapportare con le altre realtà associative presenti in città.

Gli altri punti da noi sostenuti ed esplicitati nella riunione sono contenuti del documento di seguito riportato e consegnato, come da richiesta, al Commissario.

per SEL VCO

Gianmaria Ottolini

Immagine

SEL Verbano.

Documento di sintesi per il Sig. Commissario del Comune di Verbania

Premessa. SEL di Verbania, nella prospettiva di una futura amministrazione di centrosinistra che arresti l’attuale declino della città e le dia prospettive di sviluppo sostenibile, sta elaborando una bozza di documento politico/programmatico da sottoporre al confronto con cittadini, associazioni e forze politiche. Di seguito ci limitiamo ad elencare alcune delle questioni secondo noi più urgenti.

Democrazia e partecipazione. SEL considera una grave sconfitta per la vita democratica della città lo scioglimento del Consiglio Comunale e degli organismi connessi. Apprezza l’incontro odierno e chiede che incontri analoghi avvengano con scadenza mensile. Più importante in questa fase diventa inoltre il ruolo dei Consigli di quartiere e della relativa Commissione Partecipazione che possono avere un rapporto diretto con il Commissario. Realizzazione anche a Verbania (dopo Domodossola ed Omegna) della iniziativa di consegna della cittadinanza onoraria ai giovani nati nella nostra città da cittadini stranieri.

Lavoro e Welfare. La crisi economica mette in evidenza come tema prioritario quello del lavoro e quindi il tema va tenuto presente all’interno di ogni settore mettendo in campo tutte le possibili iniziative di sviluppo occupazionale. Congiuntamente il sostegno alle persone in difficoltà va mantenuto e potenziato.

Salute. Il declino cittadino investe anche il settore sanitario. SEL è per la difesa rigorosa del carattere pubblico della sanità e in particolare dell’Ospedale Castelli. Sostegno alla medicina di base e alle iniziative di gestione collettiva di ambulatori a tempo pieno.

Urbanistica e lavori pubblici. Contrarietà al CEM ritenendo che vi sia altra soluzione possibile, meno pretenziosa, più economica e realizzabile a tempi brevi. Sul CEM chiediamo un referendum cittadino visto che l’opera non è stata mai sottoposta a giudizio né elettorale né referendario alla cittadinanza. Interventi per snellire le procedure per il rilascio di concessioni per il riutilizzo del patrimonio edilizio esistente: questo mette in moto lavoro. La città soffre della mancanza di una manutenzione adeguata e di interventi tendenti a migliorare il suo aspetto (ad es. tutta l’area della Castagnola, Via ai Villini ecc. frazioni periferiche ecc.).

Ambiente e sostenibilità. Un programma di ripristino del verde dopo il disastro dell’evento atmosferico del 25 agosto scorso (San Remigio, parchi cittadini ecc.). Tutela dell’area protetta della Riserva di Fondotoce ed assoluta contrarietà al progetto di un campo di Golf in quell’area. Estensione della posa di pannelli solari su edifici pubblici e messa in funzione di quelli del nuovo parcheggio presso l’Ospedale Castelli. Manutenzione e sviluppo delle piste ciclabili e, almeno nelle ore di punta, ripristino di Libero Bus per i cittadini verbanesi. Verifica rigorosa dell’inquinamento dell’Area Acetati e delle sue conseguenze per l’acquedotto. Sull’Area Acetati chiediamo inoltre un tavolo di lavoro tra proprietà, parti sociali e forze politiche per un confronto sul destino di quell’area.

Cultura e Turismo. Potenziamento dei servizi ai turisti e delle iniziative culturali valorizzando anche le potenzialità e le risorse umane esistenti  in comune (Ufficio Turismo e settore Cultura) ed aprendo per tutto il periodo estivo sino ad ottobre, anche nei giorni festivi, lo IAT di Pallanza e lo sportello di Intra fornendoli di adeguato personale (anche con esperienze di stages per studenti di lingue) e ricco materiale informativo. Organizzazione di un programma di iniziative artistiche e musicali (vista anche la scomparsa di quelle dell’Arena) e sportive che rivitalizzino le frazioni recentemente più sacrificate (Pallanza, frazioni collinari) e  riconferma dell’iniziativa autunnale di Editoria e Gardini.

Per il Circolo SEL Verbano

Pietro Mazzola

Gianmaria Ottolini

Annunci

From → Πόλις

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: